Passatempi e divertimenti

di Vittorio Angiusa cura di Guido Rombi


Teatro. Presso la Curiedda c’è un teatrino fatto costruire da Pietro Giganti tra il 1838-39. È sufficientemente spazioso e ha due ordini di logge. Nel suo palco recitano talvolta giovani dilettanti, più spesso qualche compagnia comica. A carnevale si ballano i balli di moda.

Stupisce e insieme piace vedere con quanta scioltezza e grazia le figlie del popolo eseguono i balli più difficili, anche solo visti una o un paio di volte. Respingono però quei modi di danzare in cui vi sia troppo contatto coi ballerini e respingerebbero con indignazione l’invito.

[Carta storica di Tempio col Teatro]

Società filarmonica. È composta da 20 soggetti, ciascuno dei quali è pratico di qualche strumento, solo pochi del canto. Suonatori e cantanti servono l’orchestra della cattedrale nelle maggiori solennità, e servono pure nel teatro. L’opera è gratuita. La società apre qualche volta le sue sale per veglie od accademie di musica, ed anche per balli. I dilettanti del canto sono cinque o sei ed impararono dal povero Jok (di cui abbiamo fatto menzione nell’articolo Gallura, p. 195).

Era costui un giovane straniero di grande cultura e generosità che, gratuitamente, oltre a molte altre cose da lui ben conosciute, insegnava la musica a molti giovani tempiesi. Per le sue ottime qualità era ben voluto, ma fu barbaramente trucidato da alcuni da uno o più corsi traditori che erano stati mandati per bastonarlo e vendicare un certo comandante militare di qualche derisione pubblica che quello gli aveva fatto. Non si può spiegare il cordoglio di tutti i cittadini per la sventura di quest’ospite carissimo.

Si faceva chiamare Pietro Cesare Jok, ma nascondeva volutamente la sua vera identità. Il sospetto che egli fosse d’alto lignaggio, come faceva credere la sua singolare cultura e gentilezza, fu confermato da certe carte che furono trovate presso lui e da alcune voci che dicevano fosse uno dei figli di Murat o d’un illustre personaggio di Aquisgrana. Chiunque egli fosse era certamente un uomo stimabilissimo e meritò che i tempiesi versassero molte lacrime dinanzi alla sua disgrazia.

Foto banda musicale o musicisti

Corsa di cavalli [carnevale]. Nelle domeniche e negli ultimi tre giorni di carnevale i giovani che hanno abilità a governare il cavallo vanno in buon numero, mascherati e scoperti, nelle strade principali, dove si affolla il popolo, e corrono nella Carrera-longa, nel Runzatu e nel Carmine: o soli, o a due, o tre. Dopo che si è corso in una strada si corre nelle altre e poi si ricomincia.

Nel sabato e nel lunedì di carnevale si suol fare una grande cavalcata dai giovani portando in groppa le loro spose o le sorelle.

Le donne fanno sfoggio dell’antico vestiario, delle gonnelle e giubbotti di scarlatto, e avvolgono la faccia e la testa con grandi fazzoletti bianchi ricamati. In questo modo vestite, e in lunghe file ordinate, passeggiano lentamente tra la folla per le maggiori vie, e i giovani passando vicino al balcone o alla porta di qualche bella lanciano su di lei pugni di confetti.

Nei suddetti e in altri giorni escono mascherati molti uomini e donne, in brigate di venti o trenta, tenendosi uniti al braccio e seguendo alcuni suonatori. Si fermano sempre dove c’è qualche fanciulla di insigne beltà, e si comincia la sinfonia.

La fanciulla deve presentarsi al balcone o alla porta ed aspettare finché, terminata la serenata, la brigata la saluta e parte. Se si presenta è onorata di molti pugni di confetti sparsi ai suoi piedi; se non si presenta allora si rompe la musica, si gettano contro l’abitazione alcuni pugni di crusca e si va altrove.

A carnevale, come in tutti gli altri tempi, i giovani innamorati escono a tarda notte e, ponendosi presso la porta della bella, suonano la cetra e cantano le loro canzoni. Non dispiace agli altri l’interruzione del sonno se l’innamorato suona e canta bene.

Corsa del palio. Nelle feste popolari si corre il palio, ma fuori della città, e il percorso è su un terreno difficilissimo da San Giuseppe fino a San Lorenzo.

Le principali feste popolari sono San Paolo primo eremita, la Madonna del Buoncammino, e i santi patroni di certe arti. In queste occasioni si va a far la spesa da quelli che esercitano professioni come viandanti, fabbri ferrai, orefici, scarpari ecc., sebbene non formino corpo d’arte. Quella di San Paolo è a spese del municipio. In quasi tutte, la sera si bruciano polveri artificiali. Eccettuati quelli per le feste di San Paolo e della Madonna di Buoncammino, i premi non sono molto preziosi, cosicché la gara si fa coi ronzini del paese; ma per le due suddette vengono da altre parti famosi cavalli da corsa.

Balli pubblici. Da molto tempo si è smesso a Tempio, anche per le maggiori feste, di danzare nelle piazze del paese, mentre invece lo si fa dentro le case nelle varie occasioni di allegria.

Solo nelle feste campestri si continua il divertimento del ballo tra il canto a quattro voci.

[Foto storiche e attuali in bianco e nero e colori del carnevale e delle feste]

[Mettere foto dei libri che raccontano le tradizioni della Gallura]

Foto della via San Lorenzo fino a San Giuseppe