TOUR OLBIA

Le più belle pagine su OLBIA tratte dai racconti di viaggiatori stranieri e italiani dell’Ottocento e del Novecento

Olbia (nei racconti prevalentemente ancora col nome di TERRANOVA) non è soltanto il suo mare e le sue spiaggie. Olbia non è soltanto un porto da cui partire per visitare la costa. Olbia è molto più. Olbia è innanzitutto una città con una lunga storia, interessante e affascinante. E Gallura Tour queste pagine scritte su Olbia da illustri viaggiatori-scrittori intende presentarle al viaggiatore (turista) di oggi in modo semplice e coinvolgente. Attraverso i loro racconti i turisti del Duemila potranno quindi vivere un’esperienza di viaggio – di Tour –, a Olbia, corrispondente a quello che è stato, a lungo, il significato proprio della parola.

1828 – Smyth         

1837 – Valery         

1849 – Tyndale         

1860 – La Marmora         

1869 – Von Maltzan       

1932 – Vittorini    

1932 – Lilli     

1962 – Levi     

QUANDO SI DICE TOUR, oggi si pensa infatti troppo spesso alle escursioni per terra e per mare (giri in battello, in gommone ecc.). Ma questo è un uso moderno del termine Tour. Perché a lungo, invece, il suo significato internazionale è stato di «viaggio culturale-turistico».

Il nome TOUR divenne invece famoso collegato al cosiddetto «Grand Tour», una pratica culturale diffusa tra i giovani aristocratici europei, particolarmente popolare nel XVIII e XIX secolo, che consisteva in un viaggio educativo attraverso l’Europa, di diversi mesi o addirittura qualche anno, con lo scopo di conoscere l’arte, la cultura e la storia dei paesi visitati.

Fu così che molti intellettuali inglesi, francesi e tedeschi presero a viaggiare anche in Sardegna non solo per scoprire la sua straordinaria geomorfologia e i suoi magnifici paesaggi, ma anche per entrare in contatto con i suoi abitanti, conoscerne i costumi e le tradizioni, e narrare il frutto di quei loro viaggi.

GALLURA TOUR QUINDI RECUPERA IL SENSO PRIMO E PROFONDO DEL VERO ORIGINARIO TOUR.

Condividi Articolo su: